Ultime notizie
Lo studio Altereco di Rutigliano e Domos di Conversano selezionati con un progetto di rigenerazione post bellica in Ucraina

Lo studio Altereco di Rutigliano e Domos di Conversano selezionati con un progetto di rigenerazione post bellica in Ucraina

A due anni dall’inizio del conflitto presentati i lavori di cinque studi che hanno collaborato con architette ucraine

Roma, 24 Febbraio 2024 – Presso la Casa dell’Architettura a Roma, si è tenuto il convegno “Ricostruire la Pace”, a due anni dall’invasione russa dell’Ucraina. L’evento è stata l’occasione per presentare il libro “Design for Peace – Un progetto della comunità degli Architetti per la pace, l’accoglienza e la ricostruzione“, che racconta l’esperienza di solidarietà e impegno civile messa in atto in risposta al conflitto. Il progetto Design for Peace ha promosso circa due anni fa un’azione congiunta di rigenerazione di luoghi simbolo in Ucraina distrutti dal conflitto ancora in corso. A tale azione ha partecipato, venendo selezionata fra le cinque vincitrici della call nazional, e una compagine pugliese guidata dallo studio Altereco di Rutigliano a cui si è affiancato, fra gli altri, il centro DOMOS – Domotica sociale di Conversano. Nei cinque studi di architettura hanno inoltre trovato ospitalità anche altrettante architette ucraine che hanno avuto modo, in Italia, di proseguire la propria attività professionale offrendo anche un’importante occasione di crescita e contaminazione ai colleghi ospitanti. L’Arch. Olena Hordynska di Odessa è stata, in questo contesto, la preziosa risorsa che ha collaborato con lo studio rutiglianese.

L'ing. Alessandro De Robertis (DOMOS)

L’ing. Alessandro De Robertis (DOMOS)

Un progetto di cooperazione per la ricostruzione post bellica.

Il workshop ha visto la collaborazione tra realtà professionali italiane e giovani rifugiati, con l’obiettivo di proporre una visione per la ricostruzione post bellica delle città ucraine. L’ambasciata d’Ucraina in Italia ha collaborato al progetto, individuando le aree distrutte dal conflitto sulle quali intervenire.

Dalla Mostra al libro: un racconto di solidarietà e impegno

Il lavoro svolto dai partecipanti ai workshop è stato esposto in una Mostra itinerante che ha toccato Roma, Venezia e Copenaghen. Il libro “Design for Peace”, presentato oggi, raccoglie questa esperienza di solidarietà, cooperazione e impegno civile, testimoniando come l’Architettura sia per definizione per la Pace e contro ogni Guerra.

Tra i relatori del convegno “Ricostruire la Pace” Altereco, ha presentato il progetto del Korabel Kultural Park di Mykolaiv. Il progetto mira a trasformare un’area industriale dismessa in un parco culturale e di aggregazione sociale, simbolo di rinascita per la città ucraina.

Il KORABEL KULTURAL PARK è un progetto di rigenerazione urbana che darà nuova vita, nella città di Mykolayiv in Ucraina, ad un Parco Urbano Multifunzionale.

Il KORABEL KULTURAL PARK avrà una funzione generativa non solo in termini spaziali ma soprattutto culturali all’interno di una visione PROATTIVA di ricostruzione della città di Mykolayiv. Il progetto non punta ad una ricostruzione filologica di quanto distrutto dai bombardamenti, ma ad una rilettura in chiave contemporanea dell’intera area di circa 12.000 mq all’interno della quale sorgeva l’Istituto di Cultura Korabel.

Le funzioni sono state individuate attraverso interviste agli operatori culturali di Mykolayiv e le reali esigenze di una comunità che, nella ricostruzione materiale e immateriale, intende ripartire e ridisegnare il futuro della propria città.

Il KORABEL KULTURAL PARK sarà l’insieme dei luoghi della natura, della cultura, delle arti e dell’innovazione sociale che guarda ad una nuova stagione europea dove il “sentimento di pace” passa attraverso la narrazione della città stessa e dei suoi contenuti.

L’approccio della ricostruzione dell’Istituto di Cultura non avrà confini territoriali, ma coinvolgerà, con un occhio all’innovazione sociale urbana, l’intero quartiere in cui si trova, cercando di sviluppare un modello scalabile.

Il convegno del 24 febbraio è un importante momento di riflessione sul ruolo dell’Architettura nella costruzione di un futuro di pace e di speranza per l’Ucraina. L’esperienza di “Design for Peace” dimostra come la collaborazione e la creatività possano essere strumenti per la ricostruzione materiale e sociale di un paese devastato dalla guerra.

L’arch. Tonio Giordano di Altereco ha alzato l’asticella e lancia una provocazione sul proseguo di Design for Peace: portare il progetto in Puglia durante il G7 di Giugno. “È arrivato il momento che le formiche nel loro piccolo si incazzino”, rilancia l’arch. Giordano.

 

Per saperne di più:

https://www.altereco.it/korabel-kultural-park/

scarica la pubblicazione:

https://www.architettiecooperazione.org/design-for-peace-un-progetto-della-comunita-degli-architetti-ppc-per-la-pace-laccoglienza-e-la-ricostruzione-2/?fbclid=IwAR1JMDj_agUrd6-pKCalslxadWll0Z499ipzWY5lJytEK561HZwdiVoraq8_aem_Aaxifr3xz1foGwOl5OIXNnLfltYKLPmwjCwsHLOWxzS8XzgVDpHwzyj9zMMkBvwmVI8

 

 

 

 

633 Visite
pubblicit-assicurazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>