Ultime notizie

Il Sassolino del Professore

Abbonati ai Feed

10 novembre 1941: “Paura di vivere su tutta la linea. Cedimento completo. Mancanza di fiducia in me stessa. Repulsione. Paura.” (Hetty Hillesum, DIARIO 1941-1943)

il sassolino del professore - celeste

Se il Diario di Anna Frank ha permesso al mondo intero di “leggere” i pensieri di un’adolescente che viveva assieme ai suoi cari ed ad altre persone in un luogo nascosto di un’abitazione di Amsterdam, durante l’occupazione nazista, non meno interessante è un diario di una sua concittadina, Etty Hillesum, che in quegli anni viveva la sua dimensione di giovane donna, anch’essa piena di vita eppure costretta a vivere nel vortice della persecuzione degli ebrei. Il bello di questi diari, entrambi miracolosamente ritrovati, è che essi pulsano di vita e di voglia di vivere. Anche se la frase su messa ... Continua a leggere »

Il sonno è più religioso di tutta la sua religione. È forse quando si dorme che si è più vicini a Dio (Robert Walser)

il sassolino del professore - celeste

Il passaparola continua ad essere uno degli strumenti più efficaci per conoscere e far conoscere libri. E in taluni casi, laddove sconosciuti, anche i relativi autori. Mi è capitato questi giorni addietro. Un mio caro amico mi ha fortemente consigliato di leggere “Jakob von Gunten” di Robert Walser. Non conoscevo il romanzo ed avevo in passato vagamente sentito qualcosa a proposito dell’autore. Nel leggere il libro mi sono inizialmente smarrito. Infatti andavo alla ricerca di una trama e di una collocazione spazio-temporale. Cosa che pagina dopo pagina continuava ad essere assente. Finché ho capito che semplicemente tali coordinate non esistevano. ... Continua a leggere »

Il cervello umano è insostituibile. Una verità che chi progetta cervelli elettronici è propenso a dimenticare (Primo Levi)

il sassolino del professore arancione

Oggigiorno si sente sempre più parlare di Intelligenza Artificiale e della sua appendice fisica, la robotica, che stanno facendo progressi davvero impressionanti, al punto da avere un impatto sempre più invasivo nella vita di tutti i giorni. I campi di applicazione sono tra i più disparati, dalla domotica alla medicina. Persino la guerra utilizza in modo inquietante i loro sviluppi. Eppure non bisogna mai dimenticare che l’aggettivo “artificiale” segna e segnerà una differenza abissale tra l’uomo e la macchina, e se si lascia a quest’ultima la gestione delle cose i rischi in cui si può cadere sono enormi. Voglio qui ... Continua a leggere »

Se ora guardi allo specchio il tuo volto sereno non immagini certo quel che un giorno sarà della tua vanità (Angelo Branduardi)

il sassolino del professore verde

Le epifanie della memoria sono in alcuni casi misteriose e sorprendenti. Come quando capita, d’improvviso, di ritrovarci a cantare, senza alcun motivo o avvisaglia, un motivo sepolto nel nostro passato. Non sappiamo perché sia venuto fuori epperò ci lasciamo cullare dal rivivere le sue emozioni remote. Questo mi è capitato quest’oggi con la canzone “Vanità di vanità” di Angelo Branduardi. Erano anni che non mi veniva in mente, eppure è riemersa. Nel canticchiarla mi sono reso conto che alcune frasi potevano ben prestarsi ad una riflessione da sassolino. E così mi accingo a fare. Il mito di Narciso e del ... Continua a leggere »

Se, al di là di pensieri noiosi e tristezze inventate, tu volgi lo sguardo alle piccole cose […] (Pietro De Filippis)

il sassolino del professore fusia

Se, al di là di pensieri noiosi e tristezze inventate, tu volgi lo sguardo alle piccole cose […] comprendi qual gioia e speranza t’offre il domani, qual dono grandioso è quest’anno […] (Pietro De Filippis) Viviamo in un’epoca in cui si inseguono troppo le grandi cose, in cui l’unico faro da seguire è il successo ad ogni costo, in cui arrivare secondi, anche dopo i calci di rigore – per usare una metafora calcistica – è segno di sconfitta cocente, umiliante e irrimediabile. Questo provoca un’alterazione evidente della scala dei valori, con un’inevitabile elevazione dei livelli di stress. Assistiamo al ... Continua a leggere »

La filosofia naturale è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi agli occhi…(Galileo Galilei)

il sassolino del professore blu

La filosofia naturale è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi agli occhi, io dico l’universo, ma non si può intendere se prima non s’impara a intender la lingua e conoscer i caratteri nei quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi ed altre figure geometriche, senza i quali mezzi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro labirinto. (Galileo Galilei) Quando insegnavo al corso serale di Ragioneria una domanda ricorrente che mi veniva posta sulla mia disciplina era questa: “A cosa serve la ... Continua a leggere »

Forse dopo tanto spreco anche la parola finirà in un botro (Eugenio Montale)

il sassolino del professore - celeste

Un mio chiodo fisso è il fatto che oggi le parole si sprechino. Si scrive dappertutto: sms, chat, social, blog, email, riviste, giornali, libri. Molte di queste parole sono destinate al breve momento dell’oggi. Pochissime per il domani. Ancor meno per l’eternità. Si sta dunque assistendo ad una esplosione della quantità di scritti, tutta a discapito della qualità. Gli epistolari di un tempo – giusto per fare un esempio – che tanto hanno contribuito a conoscere le persone e le loro vite, sono ormai quasi del tutto estinte. Erano figlie della lentezza. Una lettera arrivava, la si leggeva, la si ... Continua a leggere »

“Quelli che pensano così, e io sono uno di questi, vedono bene che c’è una forza misteriosa più possente di noi… (Altiero Spinelli)

il sassolino del professore arancione

“Quelli che pensano così, e io sono uno di questi, vedono bene che c’è una forza misteriosa più possente di noi e del nostro mondo che ci andiamo sempre di nuovo costruendo. Se si vuole la si può anche chiamare Dio ma vediamo chiaramente cos’è. È il caos da cui siamo nati, da cui tiriamo fuori il cosmo e che ci inghiottirà di nuovo” (Altiero Spinelli) La tragedia di Ischia non è stata dovuta alla fatalità che sempre connota lo scatenarsi di fenomeni meteorologici violenti. Oltre alla mano di madre natura, che è sempre imponderabile, c’è stata la mano ponderabile ... Continua a leggere »

La svegliarono. Le fecero riempire una borsa con tutto quel che possedeva… (Jorge Luis Borges)

il sassolino del professore fusia

La svegliarono. Le fecero riempire una borsa con tutto quel che possedeva, senza dimenticare il rosario di vetro e la piccola croce che le aveva lasciato sua madre. Senza darle spiegazioni la fecero salire sul carro e intrapresero un silenzioso viaggio. (Jorge Luis Borges) Tuttora mi risulta incomprensibile il motivo per cui uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi – Jorge Luis Borges – non sia stato insignito del premio Nobel per la Letteratura. I suoi racconti e le sue poesie sono intrisi di una cultura sterminata che abbraccia tutto il globo oltre che di una capacità di sviluppo ... Continua a leggere »

Non vi sono amicizie più rapide di quelle di persone che amano gli stessi libri (Irving Stone)

il sassolino del professore blu

Le passioni comuni favoriscono frequentazioni comuni. Tale considerazione è talmente lapalissiana che non ha bisogno di alcuna dimostrazione. Quello che però afferma lo scrittore statunitense Irving Stone è che se si ha la passione per la lettura e si scopre di amare gli stessi libri, non solo ci si frequenta più facilmente ma si può molto rapidamente diventare amici. Mi piace pensare che le cose stiano così. Nelle classifiche europee, riguardo alla lettura, l’Italia occupa purtroppo da anni le ultime posizioni. Sono pertanto bene accette le iniziative tese a favorire la lettura. Una di queste coinvolge le scuole e si ... Continua a leggere »

Close
Aiutaci a crescere!
Seguici per essere sempre il primo a sapere le notizie!