Ultime notizie
Condanne per alcuni carabinieri della Stazione di Conversano: i cittadini hanno il diritto di sapere cosa successe tra il 2019 e il 2021
La Stazione dei Carabinieri di Conversano

Condanne per alcuni carabinieri della Stazione di Conversano: i cittadini hanno il diritto di sapere cosa successe tra il 2019 e il 2021

Alcuni del gruppo di carabinieri che ha prestato servizio tra il 2019 e il 2021 furono allontanati e trasferiti in altre località. Arrivano le prime condanne

Conversano – Tutti l’avevano vissuta come una questione inspiegabile e poco chiara quella della stazione dei Carabinieri di Conversano tra il 2019 e il 2021. Si rincorrevano voci in città, non sempre controllate ma sicuramente rappresentative di segnali: qualcosa non funzionava come avrebbe dovuto nel cuore della caserma dei carabinieri nella quale i cittadini riversano sempre la speranza per la soluzione di mille problemi legati alla sicurezza e alla legalità. E quelle voci hanno trovato sostanza in questi giorni con la notizia delle prime condanne per i presunti illeciti commessi tra il 2019 e il 2021 da alcuni carabinieri della Stazione di Conversano. Il giudice Giuseppe Montemurro ha inflitto pene a sei imputati che hanno chiesto di essere giudicati con le modalità del rito abbreviato. Cinque anni e due mesi all’appuntato scelto Francesco Vito Piccirillo, tre anni e sei mesi a sua moglie e un anno e un mese a suo fratello che gestiva un’agenzia di assicurazioni e che avrebbe organizzato un vero e proprio sistema di truffe. Nell’ordinanza del gip venivano riportate parole che creerebbero un senso di disagio in qualsiasi cittadino: “un sistema completamente marcio” in riferimento alla Stazione dei Carabinieri di Conversano dell’epoca, con coperture di presunti comportamenti illeciti in ogni grado gerarchico in forza alla locale stazione.
La vicenda avrà sicuramente un ulteriore risvolto giudiziario ma in città rimane l’amaro in bocca per non essere mai riuscita a sapere quale fosse la verità dei fatti in un periodo, quello corrispondente alla pandemia, quando si sarebbero consumati i reati. Nell’arma dei Carabinieri ognuno ripone fiducia se non speranza di protezione dal malaffare. E’ quello che i cittadini di Conversano continuano a provare verso operatori che il più delle volte sacrificano anche con la vita la propria funzione di garanti delle regole. Rimarrà un vero peccato per i cittadini di Conversano non aver saputo a tempo debito, da alcuna fonte ufficiale, cosa stesse accadendo nel momento del cambio radicale degli operatori della locale Stazione dei carabinieri. Le prime condanne arrivate in questi giorni stanno chiarendo la situazione tra l’altro favorita dall’azione di un gruppo di carabinieri attualmente in forza nella Stazione di Conversano che hanno riportato serenità diventando punto di riferimento dei cittadini.

58661 Visite
pubblicit-assicurazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>