Nel giorno del compleanno di Davide silenzio e preghiera a Santa Maria dell’Iisola. Le parole del papà

Domenica 23 giugno alle 18.30 la famiglia donerà le panchine davanti all’affresco del Cristo deposto

448807999_7981546018556100_7914122520293782756_n

Conversano – In quello che sarebbe stato il suo 31° compleanno, la famiglia invita tutti a partecipare a Santa Maria dell’Isola e a “un compleanno dove fermarsi a riflettere sulla promessa di vivere con i verbi al futuro“.
Le parole del papà di Davide Gaetano D’Accolti: “Davide, da 31 anni sei parte della mia vita. In questi giorni, si organizzava una festa, la torta, gli inviti… Quest’anno, invece abbiamo scelto il silenzio della preghiera.
A Santa Maria dell’Isola, alle 18,30. Poi, il nostro regalo per te, le panchine promesse, davanti all’ affresco del Cristo deposto che ci chiedevi di restaurare.
Per tutti, per coloro che vorranno fermarsi a riflettere su quell’attimo, prima che quell’uomo, passando dalla grotta al cielo, mostri la natura divina che è in ognuno di noi.
Noi vi invitiamo a questo compleanno, così semplice, senza torta, musiche, balli.
Un compleanno dove fermarsi a riflettere sulla promessa di vivere con i verbi al futuro.
Quando, anch’io chiedo: come posso vivere con questo dolore, come posso essere ancora un uomo, cosa devo fare per essere vivo, in cosa devo credere per poter sperare di riabbracciare, mio figlio, insieme a Silvia, a Maria, all’umanità così martoriata, guardando il viso dell’uomo deposto, quando mi sento perso in una notte dove vedo solo il buio e non ho direzione, sento che ha un solo verbo: TU AMERAI.
E in questa parola racchiude la possibile soluzione della storia, l’abbraccio desiderato con Davide, il destino di ognuno.
TU AMERAI.
Tutto il futuro in un verbo: TU AMERAI.
Un verbo al futuro, trovato in un rigo del Vangelo.
Un verbo al futuro, è un’azione che non si concluderà mai, che durerà quanto il tempo, è un progetto, non è un dovere imperativo, è una necessità per vivere che ho scoperto piano piano, da quando quell’uomo, in quella notte, ti ha strappato a noi. Ma che vale soprattutto per te, che hai amato solo la tua vita, togliendola ad un ragazzo che voleva viverla con la sua gentilezza.
Così domenica sera, pregando per Davide, io pregherò anche per te, perché anche tu possa vivere amando, donando, fermandoti in silenzio di fronte al mistero del nostro essere molto più grandi di noi stessi.
Non so quante persone vorranno venire ad una festa di compleanno in cui sembra che il festeggiato non ci sia, solo con la musica della Messa, suonata e cantata da Teresa Tassiello , ma chiunque verrà, porti in dono il verbo al futuro, TU AMERAI, si fermi davanti all’uomo Gesù, magari sedendosi un attimo sulle panchine, ci sostenga nel percorso di riuscire a perdonare, e sostenga chi, perdonato, possa farsi dono del futuro dell’amare, per tutte quelle persone che poco amore ricevono.
Per Davide Gaetano, in questo immensa mancanza del tuo abbraccio, il giorno del tuo compleanno, sia sempre il mio richiamo al futuro di un amore.
Avanzeremo non spinti dal passato, ma attratti da questo futuro.
TU AMERAI.
Se vi fa piacere, al compleanno di Davide potrete invitare i vostri amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *