Ultime notizie
Voglio fare con te ciò che la primavera fa con i ciliegi (Pablo Neruda)

Voglio fare con te ciò che la primavera fa con i ciliegi (Pablo Neruda)

La primavera è la principessa delle stagioni. Il suo arrivo, in netto contrasto con il freddo e cupo inverno, è carico di tanti significati.

Il primo è senz’altro quello della rinascita, caratterizzato dallo spuntare dei germogli, che finiranno col rivestire gli alberi o col trasformare in prati i brulli terreni.

Il secondo è legato all’amore e alla fecondità. Il fenomeno connesso è la fioritura. Con essa avviene il miracolo dell’esplosione dei colori.

L’uomo, ci dice la scienza, è capace di distinguere sedici milioni di colori, che corrispondono a differenti lunghezze d’onda dei raggi elettromagnetici nello spettro del visibile.

La primavera si appropria di tutti questi colori attraverso i fiori. Il fiore è senz’altro legato all’amore perché attraverso l’impollinazione si dà avvio al processo che porterà al frutto ed alla promessa della ripresa del ciclo della vita.

Ogni fioritura è uno spettacolo a sé stante. Dura poco tempo, in alcuni casi – penso ad alcune piante grasse – un sol giorno. Eppure fremiamo in attesa di rivederlo ogni anno.

Tra le tante fioriture un posto di rilievo è rappresentato da quella dei ciliegi in Giappone. Per pochi giorni tappezzano di bianco e di rosa i loro panorami.

E dall’altra parte dell’Oceano Pacifico, il grande poeta cileno Pablo Neruda ci ha lasciato due versi memorabili che legano per sempre la fioritura dei ciliegi all’amore tra due esseri umani.

735 Visite
pubblicit-assicurazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>