Ultime notizie
Immagina non ci siano paesi  non è difficile da fare. Niente per cui uccidere o morire. […]. John Lennon

Immagina non ci siano paesi non è difficile da fare. Niente per cui uccidere o morire. […]. John Lennon

“Immagina non ci siano paesi  non è difficile da fare. Niente per cui uccidere o morire. […] Puoi dire che sono un sognatore ma non sono il solo”. (John Lennon)

John Lennon era un pacifista e un sognatore. La sua canzone “Imagine”, da cui ho tratto alcune parole, è il manifesto più alto ed emblematico del suo sogno di pace. Il secolo scorso ha visto nascere grandi personalità che hanno incarnato il grande sogno della non violenza e della pace.
Una di esse è stato il Mahatma Gandhi, che riuscì nel miracolo di coinvolgere un popolo intero nel suo movimento per la pace e per l’indipendenza dell’India. Si richiamava alla tradizione più antica, simboleggiata dall’arcolaio, e riuscì per la prima volta ad ottenere risultati senza l’uso delle armi.
L’altra grande personalità, all’altro capo del globo, fu Martin Luther King. Anche lui riuscì con i canoni della non violenza a muovere centinaia di migliaia di persone contro l’iniqua segregazione razziale, nei fatti ancora in auge negli Stati Uniti. Era anche lui un grande sognatore, e il suo discorso “I have a dream” (“Io ho un sogno”) rimarrà come uno dei più accorati appelli a favore della pace e dell’uguaglianza.
Purtroppo sia Gandhi che King che Lennon sono stati assassinati, ma il loro grande messaggio di fratellanza universale non è morto e continua ad aleggiare tra noi. E se è passato un anno dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, non basterà l’eternità a sopire in ognuno di noi l’esigenza di sognare un mondo diverso.

859 Visite
pubblicit-assicurazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>