Ultime notizie
Quark: “Scollamento tra amministrazione e uffici comunali e possibile conflitto di interessi tra associazioni beneficiarie e membri della giunta”
Gianmarco Lorusso

Quark: “Scollamento tra amministrazione e uffici comunali e possibile conflitto di interessi tra associazioni beneficiarie e membri della giunta”

Il movimento politico Quark, rappresentato dal segretario Gianmarco Lorusso e dalla consigliera comunale Barbara Accardo, sottolinea lo stato di difficoltà in cui versano le casse comunali evidenziato dall’ufficio ragioneria e le deliberazioni di impegno di spesa della giunta

Conversano – Il Comunicato di Quark
Nell’assise comunale del 10 Agosto si è discusso della possibilità che il Comune accenda due mutui per un importo complessivo di 860 mila euro. La proposta della giunta è stata recepita dagli uffici comunali e dai revisori dei conti che, pur esprimendo parere favorevole, hanno invitato l’amministrazione a un uso più parsimonioso delle risorse provenienti dalla spesa corrente. In particolare, il direttore dell’area responsabile per il bilancio, dott. Lombardini, consiglia “una drastica riduzione, fino anche all’azzeramento degli importi stanziati a bilancio nel 2022, [...] quali spese a disposizione dell’amministrazione”, utilizzati ad esempio “per l’espletamento dei concorsi e/o per le manifestazioni culturali”.
A distanza di soli 4 giorni dalla nota del dott. Lombardini la giunta comunale si è riunita per approvare un atto che va in direzione totalmente opposta a quella dei pareri tecnici, stanziando finanziamenti diretti per manifestazioni culturali per un importo totale di 61 mila euro. La tempistica di questa delibera di giunta fa sorgere più di qualche dubbio su un eventuale scollamento in atto fra l’amministrazione e gli uffici comunali.
É evidente l’insofferenza che la maggioranza che guida il paese prova nei confronti del dibattito, non solo verso l’opposizione politica, ma anche verso i pareri tecnici nel momento in cui questi non aderiscono completamente al volere dell’amministrazione. Insieme a queste considerazioni, se ne rendono necessarie altre sul metodo adoperato per elargire i contributi. Premettendo che tutte le iniziative finanziate sono di assoluto valore e meritevoli del contributo elargito, cosa si pensa di fare per quelle realtà che un progetto culturale provano a costruirlo e al momento non fanno ancora parte del circuito di eventi che “tradizionalmente connotano l’offerta culturale” della nostra città? Come vengono misurati la valenza economica, sociale e culturale degli eventi finanziati, i loro effetti su coesione sociale, promozione e valorizzazione del territorio, aumento dei flussi turistici, creazione di nuove opportunità e posti di lavoro? Che impatto hanno sui fatturati degli esercizi pubblici? Quanti e che tipo di rapporti di lavoro promuovono? Queste sono domande fondamentali se vogliamo migliorare il modello attuale della creazione di offerta culturale nella nostra città, affinché sia davvero virtuosa in ogni sua implicazione, dai posti di lavoro creati fino a una fruizione che includa tutti, e catturi l’interesse anche di chi oggi non è fruitore di eventi culturali. Infine, è doveroso citare il problema di un possibile conflitto d’interessi, dal momento che nel direttivo di una delle associazioni beneficiarie dei contributi sono presenti parenti di membri di giunta e maggioranza consiliare.
Come gruppo di opposizione è nostro dovere porre queste domande, innescare un dibattito che auspichiamo sereno e che risponda nel merito delle questioni da noi sollevate.

1236 Visite
pubblicit-assicurazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>