Lo studente del liceo “San Benedetto” Rocco Grasso a New York per parlare di parità di genere

Esperienza internazionale nella Commission of the Status of Women

di Rossana De Perte

Conversano – La scuola delle eccellenze. Rocco Grasso, un brillante studente della IV B Linguistico del Liceo “San Benedetto” di Conversano ha vissuto un’esperienza formativa straordinaria. Gli chiediamo di raccontarcela. «Tutto è cominciato quando, insieme ad altri 3 ragazzi di Conversano, abbiamo risposto ad un annuncio sui social e 8 mesi dopo ci siamo ritrovati nella fantastica New York a discutere temi di politica internazionale ed estera con tanti altri studenti provenienti da ogni parte del mondo. Abbiamo assunto il ruolo di delegati alle Nazioni Unite, simulandone doveri e compiti all’interno di specifiche commissioni. Intorno al mese di luglio sono entrato in contatto con l’associazione di World Students Connection (WSC) e, dopo un colloquio in lingua inglese, sono risultato idoneo per frequentare questa esperienza ottenendo anche una piccola borsa di studio. Dopo un periodo di formazione online, avvenuta in circa 2-3 mesi con tutor e docenti specializzati, sono partito per la Grande mela il 14 Marzo e ho fatto ritorno a casa il 23 sera. Ho fatto parte della commissione “CSW” (Commission on the Status of Women) che si occupa della parità di genere nelle donne. Ho rappresentato il piccolo Stato della Guinea Equatoriale nella discussione dei temi delle donne nello STEM e l’uguaglianza di genere nel caregiving e nella cura dei bambini. Abbiamo lavorato in commissione per formulare tre risoluzioni alle problematiche per 3 giorni fino a 8 ore. Questa meravigliosa esperienza, a causa della Guerra in Ucraina, non si è potuta svolgere nella sede dell’Onu poiché occupata. Le discussioni di noi studenti si sono svolte nel grande “Hilton Midtown Hotel”. I primi giorni con i tutor di WSC abbiamo anche visitato i luoghi e i monumenti significativi di questa città.
È stata un’esperienza che mi ha cambiato in particolar modo sotto l’aspetto formativo, ma anche emotivo e culturale e senza dubbio la ripeterò al più presto»

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *