Ultime notizie
Chiodo schiaccia chiodo. Ma quattro chiodi fanno una croce. (Cesare Pavese)

Chiodo schiaccia chiodo. Ma quattro chiodi fanno una croce. (Cesare Pavese)

È la seconda Quaresima che passiamo in una quarantena dell’anima che persiste e ci opprime.

Vorremmo uscirne ma il tempo del dolore e della cattività forzata non è ancora compiuto.

 In questo scenario pre-pasquale le parole di Cesare Pavese, che pur si riferiscono ad una passione amorosa, assurgono ad un significato più ampio. Quello del dolore di tanti – nel mondo intero – che si sentono impossibilitati a ritrovare le cose più ordinarie e tremendamente necessarie, gli affetti, il lavoro, la socialità, il semplice uscire di casa in libertà, e che vedono tutti questi chiodi formare una passione di sofferenza che stride di fronte all’erompere della primavera.

 Ma per fortuna la Pasqua è alle porte, con il suo potente messaggio di resurrezione, che adesso si colora anche di significati altri. La campagna di vaccinazione, pur nel calvario di tante cadute e rallentamenti, fa intravedere la parola fine.

E nel formulare a tutte le lettrici e a tutti i lettori un sincero augurio di Buona Pasqua, torno a Cesare Pavese, che nel tradurre il “Moby Dick” di Hermann Melville, ci ha donato da quel capolavoro questa bella e speranzosa riflessione:

“Nel tempestoso Atlantico del mio essere, io sempre godo di una muta calma nell’intimo e, mentre pesanti pianeti di dolore incessante mi ruotano intorno, laggiù, in fondo, continuo a bagnarmi in un’eterna soavità di gioia.”

203 Visite
pubblicit-assicurazione

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Aiutaci a crescere!
Seguici per essere sempre il primo a sapere le notizie!