Ultime notizie
Il Mezzogiorno fra lavoro e reddito di cittadinanza

Il Mezzogiorno fra lavoro e reddito di cittadinanza

Giovedì 3 maggio dalle ore 16.30 prende il via, presso la Fondazione di Vagno a Conversano, il secondo appuntamento con l’Osservatorio “Il piacere di lavorare”. Ospiti tra gli altri Mario Loizzo, Presidente Consiglio Regionale Puglia, già Segretario Generale CGIL Puglia, Mario Conca, Consigliere Regionale Gruppo 5 Stelle e Anna Maria Candela, Dirigente Regione Puglia

Conversano – Redditi di cittadinanza, redditi minimi garantiti o di inserimento, redditi di inclusione. Ed ammortizzatori sociali. Diversi modi di definire un’azione di sostegno in favore di chi, appunto, non ha un reddito, o non ha un lavoro, o vive in condizioni di forte disagio.
Ma non sono la stessa cosa e andrebbe fatta un po’ di chiarezza, specie in questo periodo dove la promessa di nuove misure di sostegno di questo tipo pare abbia contribuito ad influenzare e indirizzare il risultato elettorale del 4 marzo.
L’idea del “reddito di cittadinanza” – o “basic income” – protagonista dell’attuale dibattito politico, è essenzialmente quella del diritto di chiunque, per il solo fatto di essere cittadino e senza condizioni, a un reddito minimo erogato dallo Stato. Ma è proprio questa l’idea dei sostenitori di questa misura? A chi verrebbe erogato? Ed a quali condizioni? E per quanto tempo?
Misure di questo tipo potrebbero entrare in contrasto con l’attivazione delle persone nella ricerca di un’occupazione? Potrebbero disincentivarla? Se invece ci fossero criteri di condizionalità, lo farebbero invero assomigliare di più ad un comune ammortizzatore sociale.
E’ forse il momento di porci qualche domanda e capirne di più. E anche andare a guardare cosa fanno gli altri Paesi Europei da cui potremmo – e forse dovremmo – trarre ispirazione.
Con queste premesse si apriranno i lavori del secondo appuntamento con l’Osservatorio “Il piacere di lavorare” organizzato dalla Fondazione Di Vagno di Conversano e aperto alla cittadinanza.

Per partecipare è sufficiente mandare una mail all’indirizzo fondazionegiuseppedivagno@gmail.com, di seguito il programma:

Programma dei lavori:
Introduce e coordina
Francesco Errico, Direttore Osservatorio “Il piacere di lavorare”

Introduzioni al tema:
L’esistenza “libera e dignitosa del lavoratore” dell’art.36 della Costituzione e le azioni di sostegno al reddito: la Legislazione in vigore
Claudio Caldarola, giurista, Comitato Scientifico Osservatorio “Il piacere di lavorare”
Rosa Cuscito, giuslavorista, Comitato Scientifico Osservatorio “Il piacere di lavorare”

Il “reddito di dignità”: l’esperienza pugliese
Anna Maria Candela, Dirigente Regione Puglia

Le prospettive delle azioni di sostegno al reddito nell’Ordinamento italiano
Giuseppe Gentile, Docente Diritto del Lavoro LUISS di Roma, Direttore Scientifico Osservatorio “Il piacere di lavorare”

MEZZOGIORNO, ITALIA, EUROPA: FRA POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, REDDITI DI CITTADINANZA, CONTRASTO ALLA POVERTÀ
Ne discutono:
Mario Loizzo, Presidente Consiglio Regionale Puglia, già Segretario Generale CGIL Puglia
Valentina Battista, esperta di politiche UE e relazioni internazionali, Comitato Scientifico Osservatorio “Il piacere di lavorare”
Mario Conca, Consigliere Regionale Gruppo 5 Stelle
Stella Laforgia, Docente Diritto del Lavoro Università degli Studi di Bari

Interventi dal pubblico

217 Visite

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Aiutaci a crescere!
Seguici per essere sempre il primo a sapere le notizie!